Le storiche minoranze residenti fuori dai confini moldavi

Le storiche minoranze residenti fuori dai confini moldavi

Messaggioda Alfredo Ferrari » 28 marzo 2014, 16:07

Come molti sanno la Repubblica Moldova e' un paese multietnico (con minoranze russe, ucraine, gagauze, bulgare e polacche) formato da due grandi macro regioni, la Bessarabia (Basarabia) e la Transnistria, ma allo stesso tempo pochi sanno dell'esistenza di importanti comunita' di moldavi che da sempre vivono in zone che gli avvenimenti storico-politici, sopratutto tra il XVIII ed il XX secolo, hanno separato dall'attuale territorio dello stato moldavo.
Certamente la principale presenza moldava fuori dai confini della Repubblica e' concentrata in quella zona che oggi e' conosciuta come la regione ucraina (Oblast) di Chernivtsy (Cernauti in rumeno e Chernovtsy in russo) formata da quelle che un tempo erano le zone della Bessarabia settentrionale ad est, la Bucovina settentrionale ad ovest e la regione di Hertsa a sud.
In questa regione, sulla base dell'ultimo censimento disponibile del 2001, circa il 20% della popolazione si e' dichiarata etnicamente moldava/rumena con una massiccia presenza, addirittura del 94%, nella zona intorno alla localita' di Hertsa.
La regione di Chernivtsy fu annessa definitivamente dall'URSS nel 1947 come risultato del Trattato di Parigi ed assegnata dal punto di vista amministrativo all'allora RSS di Ucraina.
Dopo la dichiarazione d'indipendenza dall'URSS del 1991 la Repubblica Ucraina ha ereditato l'assegnazione di questo territorio.
Un'altra zona, sempre nell'attuale territorio ucraino, che vanta un'importante presenza etnica moldava e' quella stretta tra l'enorme estuario del fiume Nistru a nord (Dnister in ucraino e Dnestr in russo) e il delta del Danubio a sud, chiamata Bugeac o Bessarabia Storica che tra il 1918 ed il 1940 costituì le provincie (judetul) di Cetatea Alba e Ismail all'interno del Regno di Romania.
In questa regione, che oggi e' una parte dell'Oblast di Odessa, i principali insediamenti moldavi si trovano nelle localita' di Bolgrad, Reni, Tatarasti (oggi Tatarbunary), Cetatea Alba (oggi Bylgorod Dnistrovsk), Ismail e a Chilia noua che si trova proprio all'inizio dell'immenso delta del Danubio.
Il Bugeac passo', con il trattato Molotov - Ribbentrop, sotto il controllo dell'URSS nel 1940 per poi essere occupato nel 1941 dalle truppe rumene fino al 1944 e da li in avanti e' ritornato sotto il controllo dell'URSS fino al 1991.
Come nel caso precedente, anche dopo la dichiarazione d'indipendenza dall'URSS del 1991 la Repubblica Ucraina ha ereditato l'assegnazione di questo territorio.
Nonostante tutti questi territori abbiano fatto parte prima del Principato di Moldavia e poi del Regno di Romania, la Repubblica Moldova la Romania di oggi, eredi dal punto di vista del diritto internazionale, hanno mai rivendicato o minacciato militarmente l'Ucraina per riappropriarsene.

bucovina nord hertsa bessarabia nord.PNG


Bessarabia storica Bugeac.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Agenzia Viaggi "Go East - Go West" tour operator
Agenzia di consulenza "Est Invest" srl
Chisinau, Strada Mihai Eminescu 50, terzo piano, uff. nr. 314
Cellulare 00373/79679434 Tel./fax 00373/22/226962
https://www.chisinau-kishinev.com
https://www.estinvestsrl.com/
skype: alfredito1969

Immagine
Avatar utente
Alfredo Ferrari
Site Admin
 
Messaggi: 779
Iscritto il: 2 febbraio 2013, 1:50
Località: Chisinau, Repubblica Moldova

Torna a Storia, arte, artigianato & società












 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti


Zenisator
cron