La Transnistria come Cipro Nord

La Transnistria come Cipro Nord

Messaggioda Alfredo Ferrari » 16 dicembre 2013, 16:11

Lo scorso 27 & 28 novembre sono state due giornate memorabili per la Repubblica Moldova, infatti il Governo del paese e' finalmente riuscito a siglare l'accordo di associazione (NON di adesione...) con l'Unione Europea che prevede diversi vantaggi sia in ambito commerciale che sociale.
La sigla di questo accordo mette pero' l'UE nuovamente di fronte ad una situazione particolare ed allo stesso tempo molto delicata, ossia quella di avere a che fare con un paese diviso come la e' l'isola di Cipro.
Ricordo, per chi non lo sapesse, che solo i 2/3 dell'isola di Cipro (quella greco-cipriota a sud, per intenderci) e' membro dell'UE mentre l'auto-proclamata Repubblica Turca di Cipro Nord, nata nel 1983, e' riconosciuta solamente dalla Turchia che l'ha occupata militarmente fin dal 1974.
Se leggete attentamente tra le righe potrete notare diverse similitudini tra Cipro Nord e la Transnistria, ossia che entrambe si sono auto-proclamate indipendenti dopo un conflitto militare, che sono sostenute militarmente da paesi stranieri (Turchia da una parte e Russia dall'altra) e che praticamente nessuno le riconosce a livello mondiale in quanto territori facenti parte di stati sovrani (Cipro e Moldova).
Analizziamo ora il contesto geopolitico ed economico di questi due soggetti; Cipro Nord e' a breve distanza dalla Turchia, ha porti marittimi, aeroporti, infrastrutture, un buon sviluppo turistico dovuto a spiagge, paesaggi, cultura e tradizioni ancestrali... e la Transnistria??? Non confina con la Russia avendo nel mezzo l'Ucraina, non ha porti, non ha aeroporti, l'infrastruttura generale del paese e' mediocre, nessun settore dell'economia e' sufficientemente sviluppato ed ha, per concludere in "bellezza", la quarta parte del PIL moldavo......
Ricordo che dopo l'adesione della Repubblica Cipriota all'UE, 1 maggio del 2004, la stessa Unione Europea disse che non avrebbe piu' accettato l'allargamento a nuovi paesi se gli stessi avessero avuto problemi di divisioni territoriali al loro interno, per cui e' evidente che l'Unione si e' voluta prendere, SAPENDOLO BENISSIMO, una bella "gatta da pelare" considerando che Putin fara' di tutto per mettere i "bastoni tra le ruote" alla futurissima e "futuristica" adesione dell'UNITA Repubblica Moldova all'Unione Europea.
Vedremo cosa succedera' in questi 10 anni (minimo) di cammino europeo della Moldova...in primis vedremo se esistera' ancora l'UE, poi se esistera' ancora un'entita' statale chiamata Repubblica Moldova o se verra' "risucchiata" dalla Romania perdendo definitivamente la Transnistria che a quel punto diventera' il piu' grande "casino" geopolitico europeo...e sopratutto se Putin morira' nel suo letto o se verra' "freddato" nel piu' tipico stile gangsteristico moscovita.
Agenzia Viaggi "Go East - Go West" tour operator
Agenzia di consulenza "Est Invest" srl
Chisinau, Strada Mihai Eminescu 50, terzo piano, uff. nr. 314
Cellulare 00373/79679434 Tel./fax 00373/22/226962
https://www.chisinau-kishinev.com
https://www.estinvestsrl.com/
skype: alfredito1969

Immagine
Avatar utente
Alfredo Ferrari
Site Admin
 
Messaggi: 779
Iscritto il: 2 febbraio 2013, 1:50
Località: Chisinau, Repubblica Moldova

Torna a Il "disgelo" ed i nuovi rapporti col mondo esterno












 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti


Zenisator
cron