Lo sputo contro il malocchio

Moderatore: Nikita

Lo sputo contro il malocchio

Messaggioda nikita » 23 febbraio 2014, 5:52

Lo sputo è l’atto di espellere dalla bocca un liquido incolore chiamato saliva. Vorrei parlare di questo tema, dall’apparenza stravagante e abbastanza ripugnante, per descrivere un’abitudine o meglio, un’usanza comune in tutte le popolazioni dell’Est Europa.
Definirei lo sputo una necessità fisiologica di chi ha una salivazione eccessiva. Un modo per liberarsi della saliva in eccesso è quello di sputarla. Per esempio sputano i fumatori per liberarsi della saliva abbondante generata dal fumo della sigaretta. Ne convengo che non è certo un gesto che denota buona educazione, ma tant’è. Molti sputano infischiandosene delle regole del bon ton.
Cominciamo col suddividere lo sputo in due grandi categorie: lo sputo umido e lo sputo a secco. Lo sputo umido è quello noto a tutti con espulsione di saliva, mentre lo sputo a secco è quello meno noto, quello senza produzione di saliva, quello che i moldavi praticano per un motivo davvero curioso. Lo sputo “a secco”, senza emissione di saliva, è quello contro il malocchio, molto diverso dall'altro nella dinamica e nella motivazione sociologica. Lo sputo contro il malocchio è diffuso in tutta la penisola balcanica. Greci, bulgari, romeni e i nostri amici moldavi ne fanno grande uso in determinate situazioni e cerimonie.
Lo sputo in questione, quello contro il malocchio, come abbiamo detto, è a secco, senza espulsione di saliva. Si atteggia la bocca come se si volesse davvero sputare, si ruota il capo verso la spalla sinistra e si emette una specie di suono con le labbra: «Sput, sput.»
Questa strana usanza è molto praticata in determinate circostanze, in cerimonie come battesimi o matrimoni. Non è raro assistere a matrimoni, battesimi, compleanni, con tutti gli invitati che emettono questo strano suono, dopo aver augurato al festeggiato/a ogni bene e salute. Un rituale scaccia malocchio insomma, un gesto ben augurante.
Gli invitati a queste cerimonie, dopo avere recitato le solite frasi di convenienza del tipo: «Se fie de bine, norog.» (Tanta fortuna e salute), si sputano tre volte sulla spalla sinistra per scacciare il malocchio ed augurare così tanta fortuna e salute al festeggiato. Ho assistito alcune volte a battesimi moldavi ed ho visto le signore invitate che, dopo aver abbracciato il bambino festeggiato e recitato le solite frasi di prammatica, hanno emesso quella specie di suono caratteristico descritto sopra. Vedere quelle signore agghindate di tutto punto sputacchiare in quel modo è stato veramente uno spettacolo unico!
Un consiglio finale: se vi invitano ad un battesimo in Moldova, tenetevi sempre alla destra degli invitati. Non si sa mai!
Avatar utente
nikita
Site Admin
 
Messaggi: 441
Iscritto il: 4 febbraio 2013, 17:34

Torna a Il Diario di Nikita












 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 19 ospiti


Zenisator
cron