Le due solitudini

Moderatore: Nikita

Le due solitudini

Messaggioda nikita » 30 aprile 2017, 4:25

Ricordate la moldava D. C. implicata qualche anno fa nel naufragio della Costa Concordia? I giornali italiani e moldavi la ritennero in qualche modo colpevole di aver sedotto il capitano Schettino a tal punto che l'italiano, inebetito dall'avvenenza della moldava, portò la sua nave a naufragare sugli scogli dell'isola del Giglio. I giornali scandalistici imbastirono una telenovela della bella moldava che irretisce il povero Schettino, sottolineando con enfasi la nazionalità della donna.
Qualche mese dopo le cronache italiane si occuparono di un'altra bella moldava, Ana Damian, per il fatto che in un anno riuscì a vendere la bellezza di 1500 aspirapolvere. Una venditrice con i fiocchi, la migliore! Il nostro ex premier Berlusconi poteva farsi sfuggire una imbonitrice del genere, lui che è il principe, che dico, l'imperatore dei venditori in Italia? Ha cercato subito di “assoldarla”, è la parola giusta, per “vendere” il suo partito agli italiani. La fidanzatina trentenne dell'ex premier, Francesca Pascale, minacciò fuoco e fiamme nel caso il suo boyfriend, insomma, boy si fa per dire, si avvalesse dei servigi della moldava. Troppo bella la Damian di anni trentacinque! La Pascale temeva di perdere il confronto con la bella moldava e non aveva tutti i torti visto la fama di “sciupafemmine”del suo partner.
Alcuni giorni fa la TV italiana ha chiuso il programma “Parliamone sabato” condotta da Paola Perego perchè nella puntata di sabato 18 marzo aveva osato pubblicare un vademecum sul perché gli uomini italiani preferiscono le donne dell'est alle italiane. Apriti cielo! Un fiume di polemiche ha travolto l'incredula Perego accusata di sessismo; una schiera di tromboni e moralisti l'hanno condannata al pubblico ludibrio.
Le moldave, e le donne dell'est in generale, hanno una brutta nomea in Italia, sono troppo belle e spregiudicate, le donne del bel paese temono il confronto. Non sarà che a una certa età le nostre donne sono devastate dai carboidrati e dalla cellulite, cedono volentieri ai rigatoni all'amatriciana e ai bomboloni alla crema, flagelli sconosciuti nel paese delle dolci colline? Le moldave hanno sempre una silhouette invidiabile, è difficile metere su chili mangiando zuppette! I cromosomi poi fanno il resto.
La disputa si riduce tutta alla misura del girovita? Sicuramente no, ma il testosterone e il progesterone, a volte, ma non sempre, giocano un ruolo decisivo. Il testosterone negli italiani è sempre a livelli altissimi e la prorompente femminilità delle moldave anche. Spesso accade che i mariti delle moldave rimasti in patria a godersi la “paghetta” mensile inviata delle consorti diventano una voce lontana al telefono e la solitudine è difficile da sopportare. Della serie meglio uno "spaghettaro" oggi che un marito moldavo domani, alcune scelgono la prima opzione. Le due “solitudini”, quella dei mariti italiani abbandonati al loro destino dalle mogli che hanno rinunciato al loro ruolo per diventare “nonne” e quella delle moldave stanche della vita fatta di sacrifici e rinunce si incontrano per dar vita a un nuovo rapporto. Forse l'ultima canches per entrambi per la ricerca della felicità.
Avatar utente
nikita
Site Admin
 
Messaggi: 441
Iscritto il: 4 febbraio 2013, 17:34

Torna a Il Diario di Nikita












 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 27 ospiti


Zenisator
cron