Je suis cumetru

Moderatore: Nikita

Je suis cumetru

Messaggioda nikita » 13 gennaio 2015, 15:15

La rabbia che ha colpito l’Europa e il mondo per l’attentato terroristico a Parigi nella sede del giornale satirico “Charlie Hebdo”, purtroppo, non si è manifestata in Moldova. Lo tsunami di indignazione che si è riversato in Europa non è arrivato con la stessa veemenza sulle dolci colline moldave. Lo tsunami aveva assunto ormai la forza di in una flebile brezza marina. Troppo lontana geograficamente e culturalmente la Moldova da Parigi!

Mentre milioni di cittadini indignati in tutto il mondo si preparavano alla grande protesta, solo uno sparuto gruppetto di infreddoliti moldavi manifestavano la loro solidarietà davanti all’Ambasciata francese. Le cronache riportano di una quindicina di moldavi che hanno gridato il loro sdegno e solidarietà agli “europei” francesi.
Purtroppo i terroristi islamici hanno scelto di perpetrare la loro sanguinosa strage in un periodo particolare dell’anno tanto atteso dai moldavi, le cosiddette “sarbatoare de iarna”, le feste d’inverno: una ventina di giorni dove i moldavi si abbandonano senza freni alle rituali bevute con i “cumetri”. Si poteva lasciare il “cumetru” a bere da solo per urlare in piazza “Je suis Charlie”? Una mancanza di riguardo imperdonabile verso il “cumetru”. Insomma i moldavi non se la sono sentita di lasciare per qualche ora chi aveva bussato alla loro porta dicendo “Je suis cumetru”. Hanno preferito il “cumetru” a Charlie. Chi è “Charlie” d’altronde? Chi lo conosce? Non si può certo brindare con uno sconosciuto.
Il Presidente Timofti non ha partecipato ieri l’altro alla marcia di solidarietà a Parigi dove erano presenti circa cinquanta leader provenienti da tutta Europa perché, a quanto ha dichiarato, non può disporre di un aereo presidenziale. Non poteva chiedere un passaggio a suo cugino il Presidente romeno Iohannis? A cosa servono i cugini se non in questi frangenti?
In questo particolare episodio i moldavi si sono sentiti non molto “european”, il prezzo da pagare era troppo alto questa volta, bisognava scendere in piazza numerosi per urlare “Je suis Charlie” mentre la casa era invasa dal rassicurante profumo di sarmale.
Era sinceramente troppo.
Avatar utente
nikita
Site Admin
 
Messaggi: 441
Iscritto il: 4 febbraio 2013, 17:34

Re: Je suis cumetru

Messaggioda tororolo » 15 gennaio 2015, 16:11

romeni e moldavi sono maestri nello sfruttare lo stato sociale, non nel crearlo.
tororolo
 
Messaggi: 82
Iscritto il: 15 febbraio 2013, 0:45


Torna a Il Diario di Nikita












Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 19 ospiti


Zenisator
cron