Il molto dal poco

Moderatore: Nikita

Il molto dal poco

Messaggioda nikita » 21 marzo 2013, 6:46

Non ho particolari nostalgie dell'Italia, in Moldova mi trovo bene. Non mi sono mai pentito neanche un secondo di essermi trasferito in questo paese, l'ho fatto dopo aver ponderato ed analizzato la scelta per anni, soppesando tutti i pro e i contro. Sapevo benissimo che c'erano più contro che pro. Vivendo in questo paese ho trovato esattamente quello che immaginavo e cercavo.
Deluso? Voglia di tornare indietro? Assolutamente no.
In Moldova ci sono problemi per gli italiani che intendono viverci stabilmente? Certo, bella scoperta! La Moldova non è l'Italia, su questo non ci piove!
L'importante è ricrearsi in questo paese le condizioni ottimali per vivere bene, avere la possibilità di coltivare i tuoi hobbies, soddisfare le tue necessità, fare una scaletta delle priorità e agire di conseguenza.
I moldavi hanno tradizioni, usi e costumi diverse dalle nostre? Il clima è più freddo? C'è la seliotka invece delle triglie e delle sogliole? Il pane di "Franzeluza" è un malloppo indigeribile? La notte devi girare con la pila perchè non si vede un tubo? La gente mangia l'aglio crudo per curarsi il raffreddore?
Chissenefrega! Le priorità sono altre.
Sono un appassionato cinefilo fin da bambino, particolarmente di film western americani e di Totò, posso dire di averli visti tutti, ebbene, ho una collezione di circa duecento films che ogni tanto mi rivedo. Per far questo devo vivere per forza in Italia? Non posso farlo anche in Moldova? Questo tanto per fare un esempio banale.
Intendiamoci bene, sono consapevole di non vivere nel paese delle meraviglie, so dei problemi gravissimi che i moldavi sono costretti a sopportare quotidianamente, ma sono altrettanto consapevole che non posso contribuire a risolverli in nessun modo. Non spetta a me risolvere i problemi della Moldova, lo confesso, non ho una particolare predisposizione al volontariato, nè a fare lo Schweitzer della Moldova, Chisinau non è la mia Lambarenè. So benissimo che le porte del Paradiso non si apriranno mai per farmi entrare, spero soltanto che all'inferno non faccia troppo caldo, non lo sopporto.
E' compito delle giovani generazioni e della politica tentare di migliorare le condizioni di vita del paese, io rimango pur sempre uno straniero, uno spettatore.
L'Italia poteva offrirmi molto, visti i tempi, da quel molto, a conti fatti, mi restava ben poco. La Moldova invece può offrirmi poco, ma da quel poco posso tirar fuori molto, basta sapersi accontentare. Il mio motto da quando mi sono trasferito in Moldova è:
“Il molto dal poco”.
Avatar utente
nikita
Site Admin
 
Messaggi: 441
Iscritto il: 4 febbraio 2013, 17:34

Re: Il molto dal poco

Messaggioda tororolo » 23 marzo 2013, 9:52

massimo risultato con il minimo sforzo.... non certo alla tastiera vista la tua perseveranza nello scrivere le tue esperienze, che peraltro leggo sempre molto volentieri...
ciao
tororolo
 
Messaggi: 82
Iscritto il: 15 febbraio 2013, 0:45


Torna a Il Diario di Nikita












 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 20 ospiti


Zenisator
cron