Il cumatrismo amorale

Moderatore: Nikita

Il cumatrismo amorale

Messaggioda nikita » 25 giugno 2013, 20:48

Fu Tocqueville, l'antesignano del pensiero librale, che nel 19° secolo teorizzò per primo che nei paesi democratici la capacità di associarsi è la condicio sine qua non per il suo progresso culturale e economico. Più recentemente l'antropologo americano Banfield coniò l'espressione “familismo amorale” per descrivere il comportamento degli abitanti di un piccolo paesino del sud Italia in relazione al sottosviluppo economico del territorio; il Banfeild soggiornò in un piccolo paese per diversi mesi appunto per verificare in loco e dare una spiegazione antropologica della sua arretratezza economica.
Il Banfield giunse alla conclusione che l'estrema arretratezza del paese del sud italiano era dovuto all'incapacità dei suoi abitanti di associarsi per il bene comune o perseguire un qualsivoglia obiettivo di pubblico interesse. Egli sosteneva che l'arretratezza culturale e economica di quella società era dovuta essenzialmente alla mitizzazione del legame familiare che escludeva di fatto le altre forme di associazione, verificò che l'individuo che componeva il nucleo familiare privilegiava solo e soltanto i legami all'interno del clan familiare a danno della capacità di associarsi con altri individui nell'interesse collettivo.
Da qui l'espressione “familismo amorale”: familismo appunto perchè l'individuo tende a privilegiare solo l'interesse della famiglia, amorale perchè il bene e il male si applicano solo nell'ambito familiare e non verso gli altri componenti della società. Quindi l'immoralità è dovuta essenzialmente alla mancanza di relazioni fra la famiglia e i soggetti esterni a essa.
Il discorso sopra enunciato credo si possa applicare alla situazione moldava attuale per cercare di spiegare in qualche modo i motivi dell'arretratezza economica del paese Moldova, che non è dovuta, ovviamente, al “familismo amorale” del sud Italia, troppo diverse le due società, ma adattarla a un concetto più aderente alla società moldava come il “cumatrismo amorale”.
Conoscendo l'organizzazione sociale moldava credo che il “familismo” italiano si possa mutuare in “cumatrismo”: espressione che racchiude il termine “cumetru”, padrino, figura importante nell'ambito della società moldava, una figura preminente nei rapporti sociali. E' a tutti noto che i “cumetri” sovrintendono a diversi passaggi importanti della vita sociale dei moldavi che va dal battesimo al matrimonio. Il “cumetru” o “nashu” è sicuramente la figura più importante al di fuori dell'ambito familiare o addirittura ne fa parte a pieno titolo.
Quindi la prima differenza che si nota fra il “familismo italiano” e il “cumatrismo moldavo” sta appunto nell'allargamento del nucleo familiare ai “cumetri”, ai padrini, ben poca cosa se si considera la società nel suo complesso, è chiaro che è pur sempre una visione molto restrittiva.
Così come nel “familismo amorale” italiano il motivo quindi dell'arretratezza economica e culturale moldava è da ricercare forse nel “cumatrismo amorale”: una “malattia” che impedisce alla società uno sviluppo economico e culturale armonico. Il progresso economico e culturale di una società si raggiunge quindi solo con l'associazionismo e lo sforzo collettivo, no di certo rinchiudendosi nel clan familiare o al massimo coinvolgendo i “cumetri”.
Il moldavo concepisce la società solo ed esclusivamente come nucleo familiare allargato ai “cumetri”, privilegia l'individualismo a dispetto del consociativismo, manca totalmente del concetto di società intesa come l'insieme di più persone che perseguono obiettivi comuni.
I limiti del “cumatrismo amorale” si possono sintetizzare nei seguenti punti:

non si persegue l'interesse comune, ma solo quello della famiglia e dei “cumetri”;
chi non fa parte della famiglia è un competitor di cui diffidare;
chi è al di fuori della cerchia famigliare e dei un “cumetri” è un potenziale nemico;
lavoro e mi batto solo per la mia famiglia, il resto non mi riguarda;
non esiste il bene comune, esiste solo ciò che è mio;
diffido dei vicini, degli amici, dei colleghi e di qualsiasi forma di associazione;
la società è una entità astratta.

In conclusione il “cumatrismo amorale” è ottenere dalla società il massimo dei vantaggi materiali per la stretta cerchia di familiari e “cumetri” disinteressandosi degli altri visti come nemici o competitor.
Avatar utente
nikita
Site Admin
 
Messaggi: 441
Iscritto il: 4 febbraio 2013, 17:34

Re: Il cumatrismo amorale

Messaggioda Alfredo Ferrari » 26 giugno 2013, 9:37

Complimenti, una "radiografia" perfetta!
Agenzia Viaggi "Go East - Go West" tour operator
Agenzia di consulenza "Est Invest" srl
Chisinau, Strada Mihai Eminescu 50, terzo piano, uff. nr. 314
Cellulare 00373/79679434 Tel./fax 00373/22/226962
https://www.chisinau-kishinev.com
https://www.estinvestsrl.com/
skype: alfredito1969

Immagine
Avatar utente
Alfredo Ferrari
Site Admin
 
Messaggi: 779
Iscritto il: 2 febbraio 2013, 1:50
Località: Chisinau, Repubblica Moldova

Re: Il cumatrismo amorale

Messaggioda Rima » 26 giugno 2013, 10:51

nikita ha scritto: il motivo quindi dell'arretratezza economica e culturale moldava è da ricercare forse nel “cumatrismo amorale”: una “malattia” che impedisce alla società uno sviluppo economico e culturale armonico.

Vedi Alfredo, i russi non hanno nessuna colpa. :mrgreen:
Avatar utente
Rima
 
Messaggi: 390
Iscritto il: 12 marzo 2013, 3:14

Re: Il cumatrismo amorale

Messaggioda Alfredo Ferrari » 26 giugno 2013, 11:03

I russi hanno peggiorato questo "status quo" con le loro stronzate...
Agenzia Viaggi "Go East - Go West" tour operator
Agenzia di consulenza "Est Invest" srl
Chisinau, Strada Mihai Eminescu 50, terzo piano, uff. nr. 314
Cellulare 00373/79679434 Tel./fax 00373/22/226962
https://www.chisinau-kishinev.com
https://www.estinvestsrl.com/
skype: alfredito1969

Immagine
Avatar utente
Alfredo Ferrari
Site Admin
 
Messaggi: 779
Iscritto il: 2 febbraio 2013, 1:50
Località: Chisinau, Repubblica Moldova

Re: Il cumatrismo amorale

Messaggioda Rima » 26 giugno 2013, 11:23

E' bene ricordare che nel tempo molte cose cambiano e la Russia di ieri non è quella di oggi...

Ad ogni modo il mio post che ti chiama in causa era palesemente provocatorio e scherzoso ;)
Avatar utente
Rima
 
Messaggi: 390
Iscritto il: 12 marzo 2013, 3:14

Re: Il cumatrismo amorale

Messaggioda Rima » 26 giugno 2013, 11:39

Non sapevo cosa fosse il "cumatrismo" così ho fatto una ricerca su Google e ho scoperto che questo termine compare in sole due pagine web, in un post di Nikita nell'innominabile forum-blog, in questo sito ed ora pure qui.

Quasi un neologismo by Nikita :o
Avatar utente
Rima
 
Messaggi: 390
Iscritto il: 12 marzo 2013, 3:14

Re: Il cumatrismo amorale

Messaggioda Alfredo Ferrari » 26 giugno 2013, 12:19

Nikita e' un GRANDE! Grazie ai suoi racconti e aneddoti ha fatto conoscere molto agl'italiani della cultura moldava e del modo di vita in questo paese, io invece ho fatto conoscere molto agl'italiani sul lato pratico della vita moldava e sul turismo in questo paese...per questo siamo stati cacciati dall'innominabile, perche' sapevamo troppo...eravamo scomodi perche' offuscavamo la triade, o per meglio dire il quadrumvirato...

.....anche la' dentro c'e' un CUMATRISMO AMORALE..... :D
Agenzia Viaggi "Go East - Go West" tour operator
Agenzia di consulenza "Est Invest" srl
Chisinau, Strada Mihai Eminescu 50, terzo piano, uff. nr. 314
Cellulare 00373/79679434 Tel./fax 00373/22/226962
https://www.chisinau-kishinev.com
https://www.estinvestsrl.com/
skype: alfredito1969

Immagine
Avatar utente
Alfredo Ferrari
Site Admin
 
Messaggi: 779
Iscritto il: 2 febbraio 2013, 1:50
Località: Chisinau, Repubblica Moldova

Re: Il cumatrismo amorale

Messaggioda Rima » 26 giugno 2013, 13:00

E' stato proprio il Diario di Nikita ad avvicinarmi ai forum italo-moldavi, poi si sa, l'appetito vien mangiando.

Non ho mai lesinato apprezzamenti nei confronti di questo suo impegno e di ciò che scriveva, così come non ho esitato ad evidenziare un "cambiamento di visioni" nelle valutazioni che esprimeva sulla Moldavia e la sua gente.

Questa cosa deve averlo inspiegabilmente contrariato. :?
Non ho mai capito perché.
Avatar utente
Rima
 
Messaggi: 390
Iscritto il: 12 marzo 2013, 3:14

Re: Il cumatrismo amorale

Messaggioda Rima » 26 giugno 2013, 13:13

Alfredo Ferrari ha scritto:Nikita e' un GRANDE! Grazie ai suoi racconti e aneddoti ha fatto conoscere molto agl'italiani della cultura moldava e del modo di vita in questo paese, io invece ho fatto conoscere molto agl'italiani sul lato pratico della vita moldava e sul turismo in questo paese...per questo siamo stati cacciati dall'innominabile, perche' sapevamo troppo...eravamo scomodi perche' offuscavamo la triade, o per meglio dire il quadrumvirato...

.....anche la' dentro c'e' un CUMATRISMO AMORALE..... :D

Infatti ogni tanto si legge qualche richiesta di spiegazioni, promesse e mai arrivate, sulla tua esclusione.
...non tutti i mali vengon per nuocere...
Avatar utente
Rima
 
Messaggi: 390
Iscritto il: 12 marzo 2013, 3:14

Re: Il cumatrismo amorale

Messaggioda nikita » 26 giugno 2013, 13:40

Rima ha scritto:E' stato proprio il Diario di Nikita ad avvicinarmi ai forum italo-moldavi, poi si sa, l'appetito vien mangiando.

Non ho mai lesinato apprezzamenti nei confronti di questo suo impegno e di ciò che scriveva, così come non ho esitato ad evidenziare un "cambiamento di visioni" nelle valutazioni che esprimeva sulla Moldavia e la sua gente.

Questa cosa deve averlo inspiegabilmente contrariato. :?
Non ho mai capito perché.

Non ho mai "cambiato visioni" sulla Moldova! Ho sempre scritto del bello e del brutto senza arruffianarmi questo o quello per apparire simpatico. Ho messo in evidenza problemi che affliggono il paese arcinoti a tutti. Ho usato spesso, volutamente, un linguaggio "ruvido" per provocare reazioni: un forum vive di discussioni. Ho usato spesso l'arma della satira e dell'ironia, sperando invano di essere capito.
Ad un certo punto il "Diario" cominciava a dar fastidio, in troppi si rodevano dall'invidia, bisognava ridimensionarlo. E' partita una campagna di denigrazione nei miei confronti attribuendomi dichiarazioni e opinioni chiaramente falsi. L'Admin, che ben mi conosce, ha preferito tacere e avallare con il suo silenzio le balle inventate ad arte per screditarmi.
A questo punto ho ritenuto opportuno chiudere la mia collaborazione con il forum che durava da una decina d'anni. Non era più possibile stare a ribattere ogni mattina a qualche moldavo/a afflitto da patriottismo tardivo, di chi aveva abbandonato il paese guadando fiumi inseguito dai cani. Certe cose sulla Moldova dovevano essere loro a dirle e non un italiano spaghettaro! Si trattava quindi di passare da un'attività ludica come io la intendevo ad una medico-sanitaria. La cosa non mi interessava più.
Alfredo mi ha offerto la possibilità di seguitare a esprimere liberamente la mia opinione. Lo ringrazio per questo.
Avatar utente
nikita
Site Admin
 
Messaggi: 441
Iscritto il: 4 febbraio 2013, 17:34

Prossimo

Torna a Il Diario di Nikita












Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 32 ospiti


Zenisator
cron