I prossimi dieci anni

Moderatore: Nikita

I prossimi dieci anni

Messaggioda nikita » 17 novembre 2013, 7:20

Una domanda rimbalza nelle cancellerie di tutta Europa, così come nei convivi e nelle saune di tutta la Moldova: I moldavi, tutti i moldavi, vogliono veramente aderire all'UE?
E' questa la domanda che si pone un osservatore esterno leggendo i giornali ed ascoltando i commenti della gente ad ogni occasione. La risposta dovrebbe essere scontata. Ma è veramente così? Lasciamo perdere per un istante le dichiarazioni ufficiali e le chiacchiere ammiccanti dei politici, analizziamo la realtà economica e sociale moldava.
Gli oligarchi, i ricchi moldavi (ci sono, ci sono accome!), i monopolisti, i mazzettari, i politici corrotti che prosperano in un clima di confusione e costante “assalto alla diligenza”, vogliono anch'essi aderire all'asfittica e boccheggiante UE? Con i controlli stringenti dei commissari UE , l'obbligo di approntare immediatamente riforme strutturali nel settore giustizia e per colpire la corruzione imperante, i moldavi, la gente umile dei villaggi, trarrebbero un qualsivoglia miglioramento delle condizioni di vita?
Uhm...mi permetto di esprimere qualche dubbio!
I romeni hanno aderito all'UE da anni e non hanno certo risolto il problema della povertà e sottosviluppo. Milioni di romeni lavorano all'estero per non essere sottopagati e sfruttati in patria. Ma allora? Non è questo il problema dei moldavi? I romeni non hanno risolto il problema della corruzione, perchè mai dovrebbero risolverlo i moldavi? I moldavi sono diversi dai romeni?
Stando all'opinione dell'intellighenzia moldava, quasi tutta orgogliasamente pro-Romania, pare di no. Anzi, gli intellettuali moldavi si spingono oltre e dicono che sono “romeni”.
Se fra una decina d'anni la Moldova aderirà all'UE, risolverà tutti i suoi problemi?
Uhm...anche qui mi permetto di avere qualche dubbio!
Ma allora la Moldova non deve aderire all'UE? Certo che sì.
Ma dopo aver messo in atto una vera rivoluzione culturale, un cambio repentino di mentalità, di approccio al mondo del lavoro, dopo aver cambiato totalmete la sua classe dirigente chiaramente condizionata dalla mentalità sovietica.
Per fare tutto ciò occorrerà del tempo, forse, dieci anni non basteranno.
Avatar utente
nikita
Site Admin
 
Messaggi: 441
Iscritto il: 4 febbraio 2013, 17:34

Torna a Il Diario di Nikita












 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 20 ospiti


Zenisator
cron