A buccia d'arancia

Moderatore: Nikita

A buccia d'arancia

Messaggioda nikita » 15 aprile 2016, 6:37

E' tempo di verifiche per molte donne, l'estate bussa alle porte. Le donne di tutto il mondo in questi giorni fanno “la prova specchio” per verificare i danni prodotti alla loro silhouette l'abbondante alimentazione dei lunghi mesi invernali. In tutte le case del globo terracqueo si odono echeggiare urla raccapriccianti di chi vede riflessa nello specchio ciò che non vorrebbe mai vedere. In Italia in particolare l'alimentazione a base di carboidrati e zuccheri ha prodotto danni irreparabili all'interno coscia e ai fianchi delle adolescenti già penalizzate dai geni latini non proprio di prima scelta.
Dopo la prova specchio un risoluto proponimento agita le menti di tutte le adolescenti italiche: “Da domani mi metto a dieta!”, sperando che quel “domani” capiti di lunedì. Il flagello da combattere con tutti i mezzi a disposizione si chiama cellulite. La cellulite è una calamità che ha colpito le terre italiche da quando uno sciagurato rimasto tutt'ora sconosciuto scoprì che mescolando farina e acqua si poteva ottenere un prodotto commestibile. Da secoli la pelle “a buccia d'arancia” turba le notti di milioni di donne dalle Alpi a Pantelleria. Purtroppo questa iattura ha accentuato i danni procurati dai geni latini che tende ad accumulare le cellule grasse in posti dove non dovrebbero essere. Quando la cellulite si va a sommare alle gambe corte e sedere basso “all'italiana” l'effetto è catastrofico! Ne sanno qualcosa generazioni di donne dall'incarnato scuro che da secoli sono devastate dai farinacei.
Il flagello della cellulite non ha attecchito in Moldova, il povero e derelitto paese delle dolci colline è stato colpito da ben altre sventure ma non dalla cosiddetta “pelle a trapunta”. E' difficile trovare in Moldova un'adolescente devastata da questo flagello ed è altrettanto difficile trovare una ragazzina paffutella con problemi di obesità con il girovita a tre cifre! Merito indubbiamente di geni di provenienza slava e da una alimentazione povera di carboidrati e zuccheri.
Le ragazze italiane sono tentate da alimenti altamente calorici come pasta, pizza, dolci in generale, in tutte le città del bel paese a mezza mattina sei tentato da pizzette, supplì, bomboloni alla crema, cannoli, cornetti, ai quali è difficile resistere. Il cibo in Italia è una magnifica ossessione, ovunque giri lo sguardo vedi pizzerie, pasticcerie, bar, che ti ammaliano con i loro profumi. In Moldova il cibo è ancora una necessità, non è una magnifica ossessione, se giri lo sguardo a Chisinau, fuori dalla capitale nemmeno a parlarne, vedi solo farmacie, banche e studi notarili. In tutta la capitale moldava ci saranno non più di tre o quattro pasticcerie degne di questo nome che confezionano dolci a prezzi da gioielleria quindi riservati a pochi “figli di papà”. Tutti gli altri, la grande maggioranza, per fare uno spuntino si devono accontentare di una placinta.
Spesso a metà mattina prendo un caffè in qualche locale come Andy's Pizza o Oliva, vedo spesso ragazzi consumare una scodella di zuppa fumante, quando i pari età italiani a quella stessa ora si ingozzano con pizzette, panini farciti e bignè! Una zuppa al posto dei bomboloni alla crema e del trancio di pizza, com'è facile intuire è difficile accumulare tessuto adiposo mangiando minestroni!
Fra pochi giorni, con la bella stagione, i viali alberati di Chisinau si animeranno di belle ragazze, splendide figliole con le camicette sbottonate che percorreranno con lunghe falcate quei viali assolati sulle loro gambe chilometriche fasciate nei jeans e in equilibrio precario su tacchi di dodici centimetri. Adolescenti che non hanno nei loro sogni culinari i rigatoni salsiccia e funghi o la pizza capricciosa ma si accontentano di un frugale pasto a base di verdure bollite. Questa sana abitudine le preserva dal pericolo di assumere, nel corso degli anni, la disastrosa forma a “pera”, incubo di milioni di donne italiane.
Avatar utente
nikita
Site Admin
 
Messaggi: 441
Iscritto il: 4 febbraio 2013, 17:34

Torna a Il Diario di Nikita












Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 47 ospiti


Zenisator
cron