La bella stazione ferroviaria

I luoghi pùbelli di Chisinau: monumenti, musei, palazzi storici, piazze, vie, mercatini & centri commerciali

La bella stazione ferroviaria

Messaggioda Alfredo Ferrari » 7 aprile 2013, 15:37

L’edificio originale della monumentale stazione ferroviaria di Chisinau venne costruito nell’anno 1870 durante lo sviluppo della rete ferroviaria zarista all’interno dell’Impero e l’anno seguente fu inaugurata la prima linea che collegava Chisinau con Tiraspol e da li col porto di Odessa, esattamente il 28 agosto 1871, giorno che ha fissato l’inizio di questo tipo di trasporto sul territorio della Bessarabia.
Fu proprio grazie a questo collegamento ferroviario con la citta’ cosmopolita di Odessa che Chisinau dismise i panni di insignificante cittadina provinciale per diventare col tempo una metropoli animata sia socialmente che dal punto di vista commerciale.
Durante la seconda guerra mondiale la Stazione fu completamente distrutta e solamente nel 1948 venne ricostruita sul progetto dell’architetto sovietico L. Ciuprin che ne rivoluziono’ quasi completamente l’aspetto originale. L’attuale edificio e’ costruito interamente in pietra calcarea (coteletz moldavo) molto probabilmente estratto dalle miniere di Cricova e Milestii Mici. Con questa pietra e’ stato ricostruito circa il 60% del fondo immobiliare di Chisinau dopo la fine della guerra.
Attualmente dalla Stazione Ferroviaria della capitale moldava circolano diversi convogli internazionali con destinazione Bucarest, Odessa, Mosca, San Pietroburgo, Minsk e Kiev.

stazione ferroviaria chisinau moldova moldavia.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Agenzia Viaggi "Go East - Go West" tour operator
Agenzia di consulenza "Est Invest" srl
Chisinau, Strada Mihai Eminescu 50, terzo piano, uff. nr. 314
Cellulare 00373/79679434 Tel./fax 00373/22/226962
https://www.chisinau-kishinev.com
https://www.estinvestsrl.com/
skype: alfredito1969

Immagine
Avatar utente
Alfredo Ferrari
Site Admin
 
Messaggi: 779
Iscritto il: 2 febbraio 2013, 1:50
Località: Chisinau, Repubblica Moldova

Re: La bella stazione ferroviaria

Messaggioda Stefan Braila » 12 novembre 2013, 14:33

Leggende sui prigionieri

Prigionieri dei lager/cantiere di lavoro nr. 2 di Chisinau
250 militari tedeschi catturati dai sovietici e tenuti nei campi di prigionia della Moldova Sovietica, furono distribuiti per la ricostruzione della Stazione Ferroviaria di Chisianu. I lavori venivano svolti secondo un piano approvato dai sovietici. Tuttavia si stava avvicinando un anniversario comunista e l’amministrazione dei “lager”, come era solito a quei tempi, doveva riferire ai superiori i risultati raggiunti.
Inoltre, nel giorno dell’anniversario, a Chisinau era prevista la visita di un funzionario di Mosca molto importante e i sovietici pensarono bene di escogitarono un piano. La leggenda narra che un colonnello tedesco, il più noto tra i prigionieri di Chisinau, fu invitato alla direzione dei “lager”, dove un generale sovietico gli comunicò che se la stazione ferroviaria fosse stata ricostruita entro il giorno dell’anniversario, tutti sarebbero stati liberati e rispediti a casa. Tornato al campo di prigionia, il colonnello comunicò la proposta ai suoi compagni, ai quali però parve sospetta. Il doppiogiochismo dei russi era ben noto. Tuttavia, egli li assicurò che i sovietici avrebbero mantenuto la parola – d'altronde la promessa era stata fatta da un generale. Per convincerli il colonnello si assunse tutte le responsabilità.
Alla fine, i militari tedeschi presero seriamente la proposta – la nostalgia e la miseria nei campi di prigionia li motivò e lavorarono dall’alba al tramonto. La stazione risultò ristrutturata prima del termine previsto.
Nel giorno in cui un comitato speciale e l’amministrazione dei “lager”, guidati dal generale, dovevano approvvare i lavori di ristrutturazione svolti, ai tedeschi fu annunciato che il ritorno a casa precedentemente promesso sarebbe stato reinviato per questioni di documentazione e altre formalità burocratiche. Allora i tedeschi capirono di essere stati ingannati.
Nonostante tutto, il colonnello esibì al comitato ogni oggetto, ogni angolo della stazione che si trovava in ottimo stato. I sovietici furono soddisfatti. Prima che la commissione se ne andasse, il colonnello chiese al generale di mostrare una cosa speciale che si trovava nella cupola della stazione e lo invitò a seguirlo.
Una volta raggiunta la massima altezza dell’edificio, alla domanda del generale su cosa ci fosse di così insolito da mostrargli, il colonnello, senza dire una parola, si gettò nel vuoto schiantandosi a terra sacrificando la propria vita per l'onore.

fonte. http://adevarul.ro/moldova/
Stefan Braila
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 4 settembre 2013, 10:48


Torna a Conoscere ed esplorare la Capitale












 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Zenisator
cron